13/4 Agrifood&Travel Summit, Panerai: legare turismo e agricoltura è funzionale all’Italia

“E’ un merito di questo governo – e in particolare del ministro delle Politiche agricole, Gianmarco Centinaio – aver compreso che fosse funzionale alla realtà italiana mettere assieme agricolutura e turismo. Per un semplice motivo: il turismo nelle grandi città è esuberante, persino troppo. Ma l’Italia da questo punto di vista non finisce con Firenze, Milano, Roma, Napoli e Venezia. C’è tutto un Paese che può accogliere con grande soddisfazione i turisti italiani e stranieri e le motivazioni legate all’agricoltura di qualità – con prodotti rappresentativi del Made in italy – rappresentano una motivazione forte”.
E’ quanto ha spiegato il vice presidente e a.d. di Class E., Paolo Panerai, all’avvio dei lavori della prima edizione dell’Agrifood&Travel Summit, convegno su agrifood e turismo organizzato a Milano da Class Editori e Gambero Rosso.
Panerai ha portato come esempio il probabile effetto traino sul turismo cinese di cui potrebbe beneficiare la Sicilia, dopo la visita del presidente Xi Jinping e della moglie alla Cappella Palatina di Palermo. “L’aveva già visitata nel 2011 quando ancora non era in carica e ne aveva descritta la bellezza alla moglie che è un’artista. Lei ha così chiesto di poterla visitare a sua volta”.
Riferendosi a Milano, infine, l’editore ha ricordato come il capoluogo lombardo rappresenti “straordinariamente il design proprio in questi giorni, mentre due volte all’anno è fashion ed è stata anche la capitale dei capitali – per nostra iniziativa – nei giorni scorsi. E’ anche la capitale della regione più importante dal punto di vista agricolo.”

Fonte: Italia Oggi