Un mondo del lavoro da ricostruire dopo il Coronavirus

Un 1° maggio così, a memoria, non l’abbiamo mai avuto. Un 1° maggio in cui il mondo del lavoro – e non solo – ha poco da festeggiare e molto da riflettere. Il pensiero non può che andare a chi ha perduto il lavoro in questa pandemia mondiale che, contrariamente a quanto certi ideologi sorpassati affermano, ci ha fatto scoprire quanto siamo tutti uguali in tutto il mondo sotto troppi aspetti. Il lavoro è stato perso in Cina, in Germania, negli Stati Uniti e via dicendo: non solo in Italia. E il pensiero non può che proseguire verso chi un lavoro non ce l’ha mai avuto, e verso chi nel lavoro ha trovato la morte, come tanti medici e infermieri in primissima linea nella lotta al Male, oggi. E sui luoghi di lavoro ieri per le insufficienti norme di sicurezza e, temiamo, anche domani. Ma se giriamo l’altro lato della medaglia, c’è una timida prospettiva di riapertura, graduale, incerta, come le incognite che ci attendono sul cammino della necessaria ripresa sociale ed economica. Ci deve essere fiducia nella scienza che lavora a tambur battente per un vaccino, per definire ragionevoli misure di sicurezza collettive. Non vanifichiamo sull’altare del mero “rendimento” politico questo periodo febbraio-aprile 2020 che segnerà per sempre l’insieme delle relazioni in tutto il pianeta con gli effetti mortali di ricadute per scelte irragionevoli. Avevamo auspicato a ogni livello, da dentro le regioni italiane  all’insieme dei 27 stati della Ue, un “Fare sistema” che è dovuto passare al vaglio degli errori dei singoli stati prima di diventare – e le discussioni in proposito non sono ancora a definizione – il centro dell’azione politica, sociale ed economica dell’Unione Europea. Gli interessi personalistici e ideologici hanno fallito e con fatica stiamo apprendendo la lezione dalla Storia che, ancora una volta, si ripete.

Massimo Russo

LE ULTIME NOVITÀ

image

15/7 Mascherine? Sì, no, forse: dove sono

All’alba del 15 luglio 2020 la domanda che tutti siamo …

image

14/ Agricoltura: la riforma del PAC slitta al 2023

Con il 1° luglio 2020 è arrivato il Via libera …

image

14/7 Guida al bando ISI INAIL Agricoltura 2019-2020

Al via il bando ISI INAIL Agricoltura 2019-2020, che finanzia …

image

13/7 Sanificazione ambienti di lavoro: i

Scanditi i tempi e definite in dettaglio le modalità per …

image

13/7 INPS. Lavoratori agricoli: contributi

Con la circolare INPS 8 luglio 2020, n. 82 l’Istituto …

I NOSTRI SERVIZI

SERVIZI DI PATRONATO
Per la gestione completa delle Pratiche di Patronato
INTERMEDIAZIONE DEL LAVORO
Per la gestione completa delle Pratiche di Patronato
ASSOCIAZIONE CèART
Associazione di promozione sociale per il 5 PER MILLE
SERVIZI FISCALI
Strumenti di lavoro online per CAF
FORMAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUA
Orientamento al lavoro e formazione professionale
CONCILIAZIONI
Per la soluzione alternativa delle controversie (ADR) che consentono alle parti di risolvere bonariamente la lite
DOMESTICI
Assistenza completa per la corretta gestione del rapporto di lavoro domestico colf/badante e babysitter
CAA
Centro di Assistenza Agricole per la gestione delle pratichein agricoltura (PAC, UMA,PSR…)

PATRONATO E CONVENZIONI