13/3 Coronavirus e Turismo: chi può richiedere il rimborso dei viaggi cancellati

E’ stato pubblicato la scorsa settimana sulla Gazzetta Ufficiale il decreto-legge n. 9 del 2 marzo 2020 contenente le misure – varate dal Consiglio dei Ministri del 28 febbraio scorso –  a sostegno di cittadini, imprese e lavoratori che stanno subendo danni a causa dell’emergenza Coronavirus, inclusi quelli al di fuori della zona rossa. Tra queste figura anche un pacchetto di misure ad hoc per il settore turistico, uno dei comparti finora maggiormente colpito finora dell’emergenza Coronavirus.

Intanto, si sa quali sono le persone che potranno ottenere un rimborso per i viaggi cancellati. Si tratta de:

  • Le persone messe in quarantena;
  • I soggetti residenti o domiciliati nelle aree oggetto di provvedimenti di divieto di allontanamento;
  • Le persone che avevano prenotato viaggi verso le zone rosse;
  • Le persone che avevano programmato viaggi per partecipare a concorsi pubblici, eventi culturali, sportivi, religiosi (etc.), che sono stati annullati, sospesi o rinviati dalle autorità competenti (in attuazione dei provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 3 del DL n. 6 del 23 febbraio 2020);
  • I soggetti che hanno acquistato in Italia viaggi verso paesi esteri che hanno impedito o vietato lo sbarco a causa dell’epidemia.

In tutti questi casi, per ottenere il rimborso bisognerà inviare al vettore del trasporto il titolo di viaggio (che è stato cancellato). Le persone che avevano programmato lo spostamento per partecipare a concorsi o agli altri eventi, dovranno allegare anche la documentazione che comprova la partecipazione a quelle manifestazioni. La richiesta dovrà essere inviata entro 30 giorni:

  • Dalla cessazione della quarantena, dalla conclusione del divieto di allentamento o dalla conclusione di efficacia dei provvedimenti sulle aree del contagio;
  • Dall’annullamento, sospensione o rinvio del corso o dell’evento, nel caso di viaggi cancellati per questi motivi;
  • Dalla data prevista per la partenza verso paesi che hanno vietato i viaggi dall’Italia.

Una volta ricevuta la richiesta, il vettore dovrà procedere al rimborso entro 15 giorni, anche tramite un voucher di pari importo da utilizzarsi entro un anno. Queste disposizioni valgono anche per i viaggi prenotati tramite agenzia.