25/8 Decreto Agosto: bonus INPS fino a mille euro, chi puo’ richiederlo

Il decreto Agosto introduce nuove indennità per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo. Si dà poi continuità al bonus per i lavoratori sportivi, già previsto dal decreto Cura Italia e dal dl Rilancio, cui si aggiunge un’indennità ad hoc per i lavoratori marittimi.

Bonus da mille euro per lavoratori turismo e non solo

Con il decreto Agosto arriva una nuova indennità da mille euro per i lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data di entrata in vigore della presente disposizione.

Lavoro nel decreto Agosto: CIG selettiva, incentivi per assunzioni e Sud

Possono accedere al bonus anche i lavoratori dipendenti a tempo determinato del settore del turismo e degli stabilimenti termali, cui è riconosciuta un’indennità onnicomprensiva pari a 1000 euro. Per accedervi è necessario possedere una serie di requisiti:

  • a) titolarità nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020 di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, di durata complessiva pari ad almeno trenta giornate;
  • b) titolarità nell’anno 2018 di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato o stagionale nel medesimo settore di cui alla lettera a), di durata complessiva pari ad almeno trenta giornate;
  • c) assenza di titolarità, al momento dell’entrata in vigore del decreto Agosto, di pensione e di rapporto di lavoro dipendente.

All’elenco dei beneficiari si aggiungono i lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data di entrata in vigore del provvedimento.

L’indennità di mille euro spetta anche ai lavoratori dipendenti e autonomi che in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro, individuati nei seguenti:

  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020 e che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel medesimo periodo;
  • lavoratori intermittenti, di cui agli articoli da 13 a 18 del decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015, che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020;
  • lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 29 febbraio 2020 siano stati titolari di contratti autonomi occasionali riconducibili alle disposizioni di cui all’articolo 2222 del codice civile e che non abbiano un contratto in essere alla data di entrata in vigore del presente decreto. Gli stessi, per tali contratti, devono essere già iscritti alla data del 17 marzo 2020 alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335-1995, con accredito nello stesso arco temporale di almeno un contributo mensile;
  • incaricati alle vendite a domicilio di cui all’articolo 19 del decreto legislativo n. 114 del 31 marzo 1998, con reddito annuo 2019 derivante dalle medesime attività superiore ad 5mila euro e titolari di partita IVA attiva e iscritti alla Gestione Separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335-1995, alla data del 17 marzo 2020 e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

Per ottenere il bonus, alla data di presentazione della domanda, non bisogna essere titolari né di altro contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato né di pensione.

Bonus da mille euro per i lavoratori spettacolo

Con il decreto Agosto prosegue il sostegno del Governo al settore dello spettacolo, duramente colpito dall’emergenza coronavirus. I soggetti iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo, in possesso dei requisiti previsti dall’articolo 38 del decreto Cura Italia, possono accedere infatti ad una nuova indennità pari a mille euro.

Il bonus viene erogato anche ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con almeno sette contributi giornalieri versati nel 2019, cui deriva un reddito non superiore ai 35.000 euro.

Disposizioni comuni

I bonus non possono essere cumulati tra loro e neanche con l’indennità prevista dall’articolo 44 del decreto Cura Italia, che istituisce il Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19. Tuttavia, possono essere cumulati con l’assegno ordinario di invalidità di cui alla legge n. 222-1984.

Inoltre, le indennità non concorrono alla formazione del reddito e sono erogate dall’INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 680 milioni di euro per l’anno 2020.

Indennità per i lavoratori marittimi

Per ciascuno dei mesi di giugno e luglio 2020 è riconosciuta un’indennità pari a 600 euro ai lavoratori marittimi di cui all’articolo 115 del Codice della Navigazione, nonché a quelli di cui all’articolo 17, comma 2, della legge n. 856-1986, che hanno cessato involontariamente il contratto di arruolamento o altro rapporto di lavoro dipendente nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020 e che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel medesimo periodo, non titolari di contratto di arruolamento o di altro rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, né di indennità di malattia né di pensione alla data di entrata in vigore del decreto.

L’indennità non concorre alla formazione del reddito ed è erogata dall’INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 26,4 milioni di euro per l’anno 2020.

Bonus per i lavoratori sportivi

Il decreto Agosto estende al mese di giugno il bonus di 600 euro per i lavoratori sportivi, già previsto dal dl Cura Italia e dal decreto Rilancio.

Possono accedere al bonus i lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Comitato Olimpico Nazionale (CONI), il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI) e dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le società e associazioni sportive dilettantistiche, di cui all’articolo 67, comma 1, lettera m), del decreto del Presidente della Repubblica n. 917 del 22 dicembre 1986, già attivi alla data del 23 febbraio 2020, i quali, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività.

Il bonus non concorre alla formazione del reddito e non è riconosciuto ai percettori di altro reddito da lavoro, del reddito di cittadinanza, del reddito di emergenza e delle prestazioni di cui agli articoli 19, 20, 21, 22, 27, 28, 29, 30, 38 e 44 del decreto Cura Italia.

Le domande devono essere presentate alla società Sport e Salute s.p.a. che le istruisce secondo l’ordine cronologico di presentazione. Ai soggetti già beneficiari del bonus per i mesi di marzo, aprile e maggio l’indennità è erogata, senza necessità di ulteriore domanda, anche per il mese di giugno 2020.

Fonte: Fasi.biz